Blog: http://BACCO.ilcannocchiale.it

Martello che batte: La marijuana è una medicina.

Usa. La Gran Bretagna e la Francia sono all’avanguardia nella ricerca sulla marijuana terapeutica Per alcuni ricercatori americani, per lo status illegale della marijuana negli Stati Uniti, le compagnie farmaceutiche inglesi e francesi stanno sviluppando la ricerca su nuovi antidolorifici contenenti marijuana. Per Donald Abrams della University of California a San Francisco, e per altri due suoi colleghi scienziati, la ricerca e’ rallentata dal Governo federale, per il quale la marijuana e’ “una sostanza illegale da tenere sotto controllo”. “E’ una pianta che la natura ci ha regalato con importanti effetti terapeutici -ha detto Abrams nella conferenza stampa tenuta dagli scienziati. Il Governo reprime la ricerca sulla sostanza, e combatte le attivita’ di coloro che distribuiscono la sostanza ai malati gravi”. La ricerca sull’ingrediente attivo della cannabis, il THC, e’ stata rivista nella conferenza di San Francisco (Biophex 2004). Per Rick Doblin, presidente della Multidisciplinary Association for Psychedelic Studies, associazione che sostiene la ricerca sulla marijuana, e’ piu’ difficile la ricerca su questa sostanza che sulle droghe psichedeliche, e ha dichiarato di avere atteso piu’ di un anno per ricevere dieci grammi di marijuana dal National Institute on Drug Abuse per uno studio condotto alla Univeristy of Massachusetts-Amherst, in quanto e’ il Governo a controllarne la distribuzione legale. Billy Martin, preside del dipartimento di farmacologia e tossicologia del Virginia Commonwealth Medical Center, ha illustrato i progetti degli altri Paesi. “In Francia, la Sanofi-Aventis ha in sperimentazione clinica (in fase III) un farmaco composto di marijuana sintetica per combattere l’obesita’, la perdita della memoria e la tossicodipendenza. Il corpo umano ha dei recettori naturali dove la marijuana puo’ funzionare per alleviare i dolori e le infiammazioni, stimolare l’appetito, migliorare il sistema immunitario e aiutare il controllo muscolare. La compagnia farmaceutica inglese GW con la tedesca Bayer AG, ha sviluppato uno spray a base di marijuana per combattere i sintomi della sclerosi multipla, venduto molto presto probabilmente in Canada e i Gran Bretagna”. Abrams, un pioniere gia’ dagli anni ’80 nella lotta all’AIDS con l’ausilio della marijuana, ha aggiunto “Nuove ricerche hanno dimostrato la potenzialita’ della sostanza nell’aggredire i tumori, aumentando l’efficacia della morfina”. Per i ricercatori un medicinale a base di marijuana, dalla pianta o sintetica, potrebbe essere somministrato ai pazienti in spray, con vaporizzatori o in gocce, evitando cosi’ di fumarla, viste la possibilita’ che il fumo causi cancro ai polmoni. Fonte: www.droghe.aduc.it

Pubblicato il 1/10/2004 alle 8.45 nella rubrica Il Martello che batte.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web